domenica 10 gennaio 2016

Look back in (my) anger


Ok.
Ringrazio il buon Osborne per il titolo ma direi che questa immagine rende abbastanza bene il mio stato d'animo.
Una domenica che inizia trovando dei defcienti in circonvalla, convinti di guidare dei tricicli, e culmina con l'improba impresa di trovare parcheggio, ovviamente a due chilometri dallo stadio.
Ovviamente alle 12:15.
Ovviamente.
Ah, andate affanculo voi e "ti meriti mazzarri" che A ME anche no. Anzi, proprio perchè c'è in panca il Mancio, certi giudizi dovreste prenderli come del tutto scevri da pregiudizi.
Non è che siccome abbiamo mangiato la merda adesso del cibo coi vermi va bene perchè fa un po' meno schifo della merda.
Ci si può imbufalire per l'una e per l'altra cosa.
Ecco. Questo per puntualizzare (cit.).

Ma torniamo alla partita e partiamo dalla fine, vale a dire da quel figlio di madre ignota di Doveri.
Lo avevo anticipato prima del match che lo avrebbero mandato con un preciso scopo stanti i precedenti contro di noi.

7 le gare arbitrate, 1 vittoria. La prima, contro la Samp, per 3-2.
Dalle rimanenti 6, se si eccettua Empoli-Inter 0-0 di gennaio scorso, ricaviamo il seguente scoring:
  • 03/02/13: Siena-Inter 3-1 espulso Chivu e rigore contro (ricordo qualcosa in fuorigioco ma non ho voglia di andarmelo a cercare)
  • 20/10/13: Torino-Inter 3-3 espulso Handanovic e rigore contro (e rigore negato su Icardi)
  • 31/08/14: Torino-Inter 0-0 rigore contro ed espulso Vidic
  • 16/05/15: Inter-Juventus 1-2 rigore contro
  • 24/10/15: Palermo-Inter 1-1 espulso Murillo (prima ammonizione per contatto ridicolo con Gilardino, manco gli avessero sparato dagli spalti, secondo giallo per una palese simulazione di Vazquez.
4 rigori contro e 4 espulsioni in 5 partite: non c'è male.
Poteva quindi smentirsi oggi? Ovviamente no. E infatti, aspetta la minchiata di turno dei nostri per colpire in maniera scientifica - dopo avere avuto una condotta di gara indegna: falli identici giudicati con metro diverso.
A proposito, non so se avete notato ma il povero Kondogbia aveva sempre attaccato alla maglia un simpatico ninnolo coi colori del sassuolo. Sarà una nuova partnership in termini di merchandising? Per questo non ha mai fischiato fallo?

Ma torniamo alla cagata fatta da Miranda che parrebbe avere un dettaglio di non poca importanza (premessa: mentre scrivo non ho ancora rivisto le immagini ma mi baso sulle sensazioni live e su quanto letto da personcine mediamente affidabili). Il fallo avviene fuori area. Defrel entra in area che sta già cadendo, come si evince dall'immagine postata da Bauscia Cafè.


E se è così, NON dovrebbe essere  rigore. E non lo dice la qui presente stronza ma il Regolamento del giuoco del calcio.

E già ce n'è abbastanza per avere il crimine a seimila.
Se poi penso che la partita l'hanno buttata nel cesso i nostri, siamo ai livelli da guerra atomica.


Sono incazzata nera coi nostri.
INCAZZATA NERA.
E vedo di spiegare perchè visto che dal divano pare non essersi capito. O sono io che non mi spiego bene, dettando a Siri mentre sono alla guida.

Abbiamo avuto diverse palle gol (mi dicono addirittura 25): concretizzate ZERO.
Vediamo di capirci, signori miei.
Il "bel gioco" è un concetto assai astratto. Ora, a me che abbiamo giocato bene - affermazione che definire discutibile è un eufemismo - interessa poco.
Come detto, non è pattinaggio artistico ma calcio. E nel calcio vince chi segna più degli avversari.
Fin qui ci siamo?

E' vero, abbiamo creato più palle gol del solito ma - guarda un po' - abbiamo sofferto molto di più in difesa?
Perchè? Semplice!
Il sassuolo è venuto a giocarsela. Non ha parcheggiato il pullman davanti alla linea di porta ma anzi, ha costretto noi a giocare in contropiede. In casa.

Tornando al famoso "bel gioco": per come la vedo io esiste il gioco efficace e il gioco non efficace. Non necessariamente da seghe a due mani. L'Inter di Mou, fino a marzo 2010, non giocava "bene" ma concretizzava alla grandissima.
Puoi anche avere il 90% di possesso palla ma se in quel lasso di possesso non la metti mentre i tuoi avversari te ne piazzano 3, puoi fare tutti i discorsi che vuoi. Non sei stato efficace. E hai perso meritatamente. Se proprio vogliamo parlare di giocare bene allora prendiamo il secondo tempo di napoli. Li si, siamo stati sfortunati. Ora, paragoniamolo alla prestazione di oggi e discutiamone un secondo.
Sfortuna è il doppio palo. Sfortuna è se hai le famose 25 occasioni di oggi e prendi gol sull'unica loro azione al 94' che porta al rigore.

Oggi, nonostante un avversario che è venuto a giocarsela concedendo quindi maggiori spazi abbiamo perso.
Sono incazzata perchè - al di là di quella merda di consigli graziato dal noto miracolo di San Siro che trasforma qualsiasi portiere in un fenomeno - abbiamo sbagliato troppo per errori assurdi, frutto di zero concentrazione. Almeno un paio di volte ci siamo chieste come sia stato possibile sbagliare certe conclusioni. Evidentemente, poca convinzione.
Questo mi manda in bestia.
Loro correvano, noi avevamo già precorso i tempi e messo in campo la moviola.
Nessuno che corresse, nessuna sovrapposizione, zero contrasti.

Abbiamo ricominciato a ripartire con l'ingresso di Palacio ma l'atteggiamento sbagliato e la disattenzione davano la sensazione che potessimo segnare ma anche che potesse arrivare la beffa finale.
Sempre, quell'intestardirsi al centro, fottendosene delle fasce. Perchè?
E parliamo dei calci d'angolo alla Benitez? Quando mai, da un corner corto, sono scaturite azioni pericolose?
Si riesce a vedere un cazzo di schema, sulle palle inattive? No perchè con la lazio, proprio così abbiamo preso l'1-0. Complici i geni che hanno lasciato candreva libero di tirare  dal limite. No perchè lui mica ce l'ha quel colpo eh!
Certe cagate, se ci metti la testa, non le fai.

E anche oggi.
Ora, Nagatomo sarà anche limitato. Ma porca puttana, se prendi palla sulla fascia e hai davanti un'autostrada corri e vai a mettere un cazzo di cross. Cioè... Non credo ci voglia Maradona per arrivarci. E' la base del giocare terzino.
No. Palla verso il centro.
E come lui tutti,
Sempre ad intestardirsi a passare per le vie centrali. Almeno due volte ho visto Brozovic sovrapporsi in fascia e Ljajic andare verso il centro anzichè allargare per lui.
Perchè? Cioè.. Adem, non sei un ignorante calcistico. Una simile cagata dal giappo me la aspetto, da te no.
E parliamo di Perisic a fine primo tempo che, anzichè crossare, tenta una conclusione a giro dal limite che giusto con un culo capoluogo di regione sarebbe entrata?
E perchè cercare il passaggio a 5 metri dalla porta anzichè tirare?
E parliamo di quella palla-gol concessa al sassuolo sulla punizione non uscendo dalla barriera dopo il primo tocco e lasciando loro tutto il tempo e lo spazio per crossare?

E veniamo alla genesi del rigore.
Calcio d'angolo corto, il giappo la ridà a Ljajic che finisce in fuorigioco.


Sarebbe bastato mettere un corner normale: tra una mischia e l'altra avrebbe fischiato la fine e avremmo portato a casa un punto.
Che si sa, è meglio di zero.

Ora, ho visto un atteggiamento leggermente diverso rispetto alla lazio dove davvero siamo scesi in campo con una sufficienza e una malavoglia da omicidio e siamo stati in loro balia tutta la partita. E guarda un po', l'abbiamo persa per una cagata individuale, sempre frutto di cervello a fare lo struscio sul lungomare di Riccione.
(Anche con la viola, se ci pensate bene. Perchè solo un cretino può fare un retropassaggio nello specchio della propria porta specie se sa che il suo portiere non ha propriamente i piedi di Neuer).

Al netto della partita con la fiorentina, questi black-out ci sono costati 6 punti.
Vero, nessuno si aspettava che fossimo a questo punto della classifica al termine del girone di ritorno, tutto vero. E per dire, non credo che, salvo miracoli, chiuderemo il campionato primi in classifca. Spero d sbagliarmi ma insomma...
Però, proprio per questo, la rabbia è ancora più forte. Perchè abbiamo una buona squadra ma quando si tratta di fare quel passo in avanti e confermarsi non ci siamo con la testa. Non ancora. Nè quelli in campo nè il signore in  panchina (perchè non Telles? Perchè?).

E' la sufficienza con cui si affrontano certe situazioni che mi fa sanguinare gli occhi. Non vincere o perdere (si, ok. Perdere mi fa girare le ovaie a prescindere ma è un'altra storia) ma il non dare il 100%.

Perchè mi spiace, ma se fai delle minchiate simili non è sfortuna: è che il 100% non lo stai dando.
E questo non lo ammetto. MAI.