lunedì 31 dicembre 2012

giovedì 20 dicembre 2012

Sapessi com’è strano passare la giornata ad Appiano..

Bel titolo! Originale poi!
Complimenti Baderla!
Che la fantasia sia con te.


Citando testuale dal sito dell’Inter:   Il mondo Inter in rete si incontra ad Appiano.

Blog, aggregatori e forum, tre anime del mondo della rete. Tre anime e due colori. Il nero e l'azzurro. Una giornata particolare per l'Inter e per tutte quelle penne, tastiere sarebbe meglio dire in questo caso, che ogni giorno scrivono, commentano, analizzano il mondo nerazzurro.

Siccome tra gli ospiti c’ero anche io, questo sarà un post assolutamente allineato e filosocietario. Oltre che, come sempre, privo di contenuto.

Ok.. Confesso! Lo scrivo solo per farvi rosicare visto che sono vincolata al silenzio da un rito vudù celebratosi nel boschi della Pinetina.


Sarebbe lungo raccontarvi tutto.

Mi sono fatta la foto col Capitano che è un figo pazzesco.

Sappiate, comunque, che Strama è ancora meglio di quel che appare e che Cordoba è una persona fantastica.

E, ve lo dico, la nuova strategia di comunicazione dell’Inter mi piace assai.

Un grazie a Franco Bomprezzi, mio prezioso autista, dal quale sono stata d’imperio nominata badante da un solerte signore spuntato chissà dove dalla Pinetina.

Ma siccome pare brutto non dirvi proprio niente vi riporto, in assoluta esclusiva, la sconvolgente verità del mister sul caso Sneijder.
Le chiacchiere stanno a zero**.


**Wes è stato escluso perchè non ha voluto...

martedì 18 dicembre 2012

Toseeeeeel? Ci senti?

.. Il resto della canzoncina completatelo voi.

L’ultima volta l’ho cantata poco più di una settimana fa a Kaukenas ma la riciclo volentieri per giampaolo tosel.



Noto anche come il mago delle sentenze.

Alla ca**o di cane.
Partiamo dal fondo.
Come già sicuramente saprete - volevo scrivere questo post ieri sera ma la ex-talpitudine si fa ancora sentire - 1 giornata di squalifica a Guarin "Per avere, al termine della gara, sul terreno di giuoco, assunto un atteggiamento aggressivo ed intimidatorio nei confronti di un Assistente, venendo quindi trattenuto e allontanato da un dirigente della propria Società; infrazione rilevata da un Arbitro Addizionale".

Mi prendete per il culo?

Atteggiamento intimidatorio?
Ma che cazzo vuol dire?

Ma poi.. Atteggiamento intimidatorio nei confronti di un assistente rilevata da un Arbitro Addizionale e non dall’assistente stesso?

In parole povere, Guarin era così minaccioso ma così minaccioso che l’assistente.. non se ne è manco accorto.



Siamo veramente alla follia.

Non bastava la sordità selettiva durante i cori contro Facchetti, non è bastata la cecità per quel vergognoso striscione portato in giro dai gobbi in tutta Italia.

Neppure valutare meno di 400 euro cadauno i morti di Superga insultati nel corso dell’ultimo derby della Mole (a proposito.. Com’era la storia del fichissimo, comodissimo e sicurissimo stadio di proprietà?)

Dovevamo arrivare all’atteggiamento intimidatorio non rilevato dalla vittima.

A proposito di atteggiamento intimidatorio.. questo come lo definite?



Simpatica discussione?
Seratina tra amici?
Per sapere...

Poi, ciliegina sulla torta, chi è il killer designato per stasera?
Nientepopodimeno che.. rocchi.

Si, lui.



Peccato che dal filmato manchi la commovente carezza data a borriello che gli urlava in faccia, con fare vagamente aggressivo “cosa cazzo fischi”, giusto nella stessa partita in cui espulse Wes per un applauso.
Del tutto meritato visto che l’ammonizione a lucio per simulazione era frutto di una allucinazione sua.

E non parliamo del devastante Inter-napoli dello scorso anno.

E in tutto questo, cosa mi tocca sentire?
Che Stramaccioni è un incapace.
Che a Roma abbiamo buttato via il primo tempo (e com’è che ci hanno segnato nel nostro miglior momento, vale a dire la seconda frazione di gioco?)
Che gli episodi non contano (e com’è che la lazio ha segnato giusto grazie a un episodio?)

Che insomma, le cose bisogna meritarsele (cazzo avrà mai fatto di male nella vita Ranocchia per non vedersi mai fischiare un rigore?)

Non sto qui a riportarvi per ennesima volta l’articolo 12 del regolamento. Vi ricordo tuttavia che si parla di falli punibili con un calcio di punizione diretto.

In nessun caso si fa cenno all’impressione artistica.


Perchè è molto bello farsi pippe mentali sui moduli, sulle diagonali difensive, su tutto quello che fa parte del gioco.

Bello. Se non fosse che non si gioca ad armi pari.
Fingere di non vederlo, raccontarsi la favoletta del "bisogna essere più forti comunque" è l'atteggiamento del perfetto revisionista.
Quello che "in fondo, la j**e di quegli anni era più forte".
Peccato che proprio con questi ragionamenti siamo arrivati a Calciopoli signori mei.
Non è essere piangina. E’ avere le palle per dire le cose come stanno. Tanto è vero che Moratti fu molto duro dopo la vittoria a Torino.
E guarda caso, rimproveri anche li.

Com’era? Bisogna saper vincere?
E perdere no?

O me lo sono sognato io il mentecatto che commentava j**e 1 – tagliavento 3?
Me li sono sognati io i commenti che gli errori di tagliavento hanno psicologicamente sfavorito la j**?
Non prendiamoci in giro.
E non è questione di essere complottisti.
Come ho ribadito miliardi di volte, voglio perdere solo mettendoci del mio, come col siena. Per dire.

Perchè non so se lo avete notato ma certi errori unidirezionali ci sono costati già 4 punticini (giusto dopo il miseramente fallito ladrocino del rubentus stadium) mentre qualcuno, in una sola partita, ne ha arraffati tre.. Ah no. Ma loro son forti eh. Loro hanno un gioco. Loro sono una squadra. Loro avrebbero segnato comunque eh! Perchè poi oh..
Loro meritano!

Ma meritatemi sta minc**a!



mercoledì 12 dicembre 2012

Pensieri (e parole) in libertà..

Sorella vostra è tornata.

Dopo quasi 15 giorni di assenza per cause di forza maggiore, leggi intervento agli occhi per fare di me la ex-talpa-più-figa-dell’universo, sono di nuovo fra voi.



Una settimana senza tv e PI è stata assai rilassante, fatte salve le interviste del post-partita Inter-palermo.

Che non ho visto (gol a parte, 3 giorni dopo), perchè ho trascorso 4 giorni post-intervento in stile twilight ma che ho ascoltato.

La perla rimane ilaria che “io ho fatto giurisprudenza e a prescindere dallo stipendio il mobbing è mobbing” (suonava più o meno così).

Orgasmo alla risposta di Strama “Ila’, te l’avrai pure frequentata, io mi ci sono pure laureato.. e ti posso dire che non sussiste la fattispecie”

Dal mio letto di dolore, urla selvagge di approvazione.

E la settimana è trascorsa così, tra un tentativo di spiegare a certi giornalai che il fatto che avesse retto il capo di imputazione per giraudo fosse più importante dell’assoluzione di taluni arbitri..

Oh, poi vorrei specificare che sono stati assolti per “non aver commesso il fatto.”
Che è leggermente diverso da “il fatto non sussiste”.
Così, per la cronaca.

Sempre in settimana, grandi soddisfazioni dai bimbi in Europa League.

E si arriva a domenica..

Piccolo dettaglio.
I miei splendidi occhioni ancora non sopportano le temperature polari.
Domenica, più o meno, ero così




A malincuore, è toccato rimanere a casa.

E così, ne ho approfittato (?) per godermi (???) gli amichetti di Sky.

Già ero incarognita per la contecam del pomeriggio.
Cioè.. Io avrei pagato per quella roba?
Per la glorificazione di uno talmente speciale, talmente figo nella gestione dello spogliatoio, che non si è MAI accorto che i giocatori si vendevano le partite sotto al suo naso?

Fatemi capire..

A ‘sto punto, quando esce, voglio la erikacam.
O la provenzanocam. Perchè sappiatelo! Quando provenzano uscirà, sarà un “nuovo innocente”.
Così ci fa sapere mario dal suo magico mondo.
Che poi esista una cosa che si chiama Certificato del casellario giudiziale (aka fedina penale) – e che venga richiesto per una serie di lavori - è un dettaglio..Chissà perchè esiste, mi domando.. Se uno è un “nuovo innocente”.

A questa stregua, un rapinatore seriale potrebbe tranquillamente venire assunto in banca. Magari in quella dove ha il conto Sconcy.

Ma non divaghiamo.
Inizia il post-partita e una faccia da topo ci annuncia che..

“Oggi il campo avrebbe dovuto decretare l’anti-j**e”

Ok.. Quindi?

“Entrambe!!!”

Prego?













E li parte il primo vaffanculo.

Scommettiamo che se avesse vinto il napoli, nessuno avrebbe avuto alcun dubbio in merito?

Intervista a Strama, le solite domande idiote.
Tutto nella norma.

Il secondo vaffanculo parte quando si palesa l’uomo col castoro in testa che, ci racconta, è stato superiore in tutto.
Tattica, gioco, simpatia, bellezza..
L’Inter, ha “solo” segnato ma la partita l’ha fatta il napoli.













Ora, ragazzi, famo a capisse.

Un 63% di possesso palla senza concretizzare, è una mera sega mentale per statistici idioti.

Tu puoi anche fare il 98% ma se nel restante 2% prendi due gol senza averne segnato nemmeno uno non hai capito un cazzo.

Se poi segni l’unico gol in fuorigioco e viene negato un rigore ai tuoi avversari dovresti avere la decenza di stare zitto.

Ecco.
Fermiamoci su questo punto.
Già quando ho letto “rizzoli” pensavo fosse uno scherzo.
Di pessimo gusto, tra l’altro.

Pessimo, come l’arbitraggio del figuro in questione.

Ridicola l’ammonizione da Handanovic al 26’ p.t..
Con questo metro, il 96% delle squadre che vengono al Meazza finirebbe in 10 dopo nemmeno un’ora di gioco.

Assurda, con il medesimo metro e comunque di su la non-espulsione di Behrami. E nemmeno che sia stato auto-espulso dalla panchina come Lichtsteiner, cazzo!

E parliamo del rigore negato a Cassano?
Per ben meno, ci è stato fischiato contro a bergamo.

No ma.. Continuate pure con la storia del merito artistico, continuate.

Del gol in fuorigioco ho già detto.

E in tutto questo cosa viene fuori?
Che l’Inter ha rubato e che c’erano almeno tre rigori per il napoli.

Sissignori.

Un cercopiteco su twitter, che non mi prendo nemmeno la briga di copincollare, ha tenuto a lamentarsi del mani di Cambiasso e del fallo di juan Jesus.

Ecco.
Partiamo da quest’ultimo.
Ce l’hanno fatto vedere e rivedere, montandolo in sequenza a quello che costò a Obi l’ammonizione e a noi il rigore contro da quel *** (insulto a piacere) di rocchi.

Ordunque, stronzi.
Magari vi sfugge il dettaglio che il problema è stato fischiarlo lo scorso anno il rigore.
Non il non darlo quest’anno.
Perchè non so se vi sia sfuggito questo insignificante dettaglio..



..ma il calcio di rigore viene concesso se il fallo viene commesso in area.

E parliamo del mani di Cambiasso, che ancora rido?

No, caro goran, non è che non ti hanno fischiato il rigore anche se lo hai chiesto perchè “è il calcio” (come dire.. Capita che non ti diano i rigori, anche se ci sono).

Non te lo hanno dato perchè non è rigore.

La solita regola n.12, infatti, ci dice che “il fallo di mano implica un contatto volontario tra il pallone e la mano o il braccio di un calciatore.

Per stabilire la volontarietà, l’arbitro deve prendere in considerazione i seguenti criteri:
• il movimento della mano in direzione del pallone (non del pallone in direzione della mano);
• la distanza tra l’avversario e il pallone (pallone inaspettato);
• la posizione della mano, che non implica necessariamente che ci sia un’infrazione

Ora, Cambiasso cade all’indietro – di culo, insomma - e “frana” sul pallone.
Se davvero ha toccato volontariamente la palla, fermandola senza neppure guardare beh.. non merita il calcio di rigore.

Merita il premio interplanetario come genio del male!



mercoledì 5 dicembre 2012

lunedì 26 novembre 2012

Lavorare, lavorare, lavorare

Ho visto solo parte del secondo tempo.
Pessima partita. 
Per quanto mi riguarda: non ci siamo.
Il buono visto sinora sembra involutosi.



Bisogna giocare a calcio. 
Facile, semplice. Un gioco nel quale è necessario segnare un gol in più dell'avversario, possibilmente non facendolo segnare a sua volta.

Via tutte le sovrastrutture. Via tutti i pensieri.
Un bel bagno di umiltà per tutti, per ripartire.


Umili, consapevoli, concentrati.



E FUORI I COGLIONI!!!!
È il momento.
È il momento per capire se possiamo credere o galleggiare tra impennate e mediocrità.

Io, comunque, ci sono.




mercoledì 21 novembre 2012

domenica 18 novembre 2012

Ladri are back, all right (stica**i)

Ok. Lo diciamo subito.
Partita non bella. Abbiamo lasciato l'iniziativa ad un buon cagliari. Questo non va bene.

Punto. Fine.
Veniamo alle cose serie.


Regola 12 del giuoco del calcio - Falli e scorrettezze: "Un calcio di punizione diretto è accordato alla squadra avversaria se un calciatore commette una delle sette infrazioni seguenti in un modo considerato dall’arbitro negligente, imprudente o con vigoria sproporzionata:
• dà o tenta di dare un calcio ad un avversario;
• fa o tenta di fare uno sgambetto ad un avversario;
• salta su un avversario;
• carica un avversario;
• colpisce o tenta di colpire un avversario;
• spinge un avversario;
• effettua un tackle su un avversario.

Un calcio di punizione diretto è parimenti accordato alla squadra avversaria del
calciatore che commette una delle tre infrazioni seguenti:
• trattiene un avversario;
• sputa contro un avversario;
• tocca volontariamente il pallone con le mani (ad eccezione del portiere nella
propria area di rigore).

Un calcio di rigore è accordato se una di queste dieci infrazioni è commessa da un calciatore all’interno della propria area di rigore, indipendentemente dalla posizione del pallone, purché lo stesso sia in gioco."

Non so voi, ma io vedo un nettissimo sgambetto di astori ai danni di Ranocchia.
Quindi, caro massimo mauro, no. Non mi fido dei commentatori. Specie di quelli come te che dimostrano di ignorare il regolamento ma si permettono di giudicare episodi come questo.
Si, caro servo gobbo (e visto che con le mie tasse ho pagato il tuo stipendio da parlamentare della repubblica possi dire questo e ben altro) è sufficiente il TENTATIVO per accordare un rigore.
Ranocchia non doveva morire per avere la massima punizione.
E no, il regolamento non fa distinzione tra le taglie dei giocatori.

QUESTO ERA RIGORE.
Punto.

E solo un incapace o uno in malafede poteva non vederlo.

Già sto giacomelli, dal nome, non mi piaceva. Ho comprato, ai tempi, dei guanti da palestra da giacomelli: 'na merda al cubo. Era evidente che sto tizio avesse qualcosa di losco.
Appena ho visto il primo cartellino della partita sventolato a Cambiasso ho cominciato a capire come sarebbe girata.
No, in realtà avevo cominciato ad avere strani presentimenti quando orsato, forse per vendicarsi del tiro al bersaglio di Torino, ha arbitrato i gobbi onestamente.
E guarda un po'? Non è bastato dominare per vincere. (segnatevela per dopo).

Tra l'altro, sul gol del 2-1 cagliari avevo avuto l'impressione di un tocco di mano.
E infatti..



Ma questo può passare.

Il rigore al 91' no.
Specie se è il climax di quattro settimane di Orrori arbitrali, a partire da Catania.
Certo, tutto questo è la testimonianza che siamo tornati, che facciamo paura.
Ma, se permettete, mi girano le ovaie.
Perchè ridendo e scherzando "quelli" hanno 3 punti in più (vado stretta e fingo di dimenticare un rigore negato al pescara sul 2-1) e noi 3 in meno.
Potevamo essere a +2, siamo a -4.
Questi sono dati di fatto.

E no.
Conta un cazzo come dice il servo zapelloni che non si è giocato bene (a proposito, fai tu che sta squadra di me**a che non è stata capace di battere il cagliari ha asfaltato la squadra del tuo padrone, così per dire..).
I rigori se ci sono, si danno.



Come già vi dissi, i rigori non sono un premio all'impressione artistica.
Non sono un bonus a fine partita.
Non sono nemmeno un'aiuto a una squadra che sta giocando bene ma non riesce a segnare (gobbi a parte).

Sono una sanzione ad un fallo.

Altrimenti che facciamo, il televoto?

Non è vietato dal regolamento vincere 1-0 su rigore giocando di merda.
Per un cazzo proprio.
Fa parte del gioco del calcio.

E se perdo/pareggio, voglio farlo solo perchè faccio schifo io.
Non perchè qualcuno ci ha messo il fischietto.
O perchè il pubblico da cagliari/torino ha votato che no. Siccome ranocchia è alto e non gli ha strappato una gamba non può essere rigore.




Poi dici, tu pensi male..

Moratti rilascia le sue dichiarazioni (fonte inter.it) e, mentre sto scrivendo, risponde la j**e dal suo sito (pubblicando peraltro un'ammissione di colpa grande come una casa) chè il documento di palazzi verteva in massima parte proprio sulla  "fitta e stabile rete di rapporti instauratasi tra il direttore generale della Juventus, Luciano MOGGI, unitamente all'amministratore delegato della medesima società, Antonio GIRAUDO, ed i due designatori arbitrali pro tempore Paolo BERGAMO e Luigi PAIRETIO, elevatasi a vero e proprio sistema organizzato coinvolgente anche il vertice della struttura associativa arbitrale; sistema atto ad esercitare pesanti ingerenze e, quindi, a condizionare la classe arbitrale, al fine ottenere un trattamento di favore nei confronti della società sportiva juventina ed assicurare a quest'ultima un vantaggio di classifica in campionato"
MUMBLE MUMBLE
C'è qualcosa che mi sfugge..
Che c'entra la j**e in tutto questo?
Chi li ha nominati?

Loro, poi.. Che sono stati psicologicamente svantaggiati da tagliavento contro di noi? Loro, la cui fragile psiche è stata schiacciata dal peso del vantaggio in netto fuorigioco?



.. Sarà mica un caso di coda di paglia in fase acuta?
Ma soprattutto.. Leggere i documenti che pubblicano?

Questi sono talmente deficIenti (con la I pastosa) che hanno confessato sul loro sito ufficiale.
VI RENDETE CONTO???


O forse.. Difendevano un loro dipendente (cit. plurima)?

Comunque dai, gobbi.
Siccome io sono per la pace, la conciliazione e l'amore facciamo così.
Appena resuscita Facchetti rinunciamo alla prescrizione e ci facciamo processare.
Intanto, visto che voi siete tutti vivi, date il buon esempio e fatevi riprocessare per quella storiella del doping.
Ok?


Quanto sopra vale soprattutto per troppi tifosotti interisti.
Quelli che si deve vincere comunque.
Quelli che basta con calciopoli, che palle.
Quelli che per fare i fighi se la fanno mettere in c**o e spalmano pure la vaselina. E poi ringraziano.
Quelli che ti danno della complottista.
Quelli che abbiamo giocato di merda e i nostri sono delle pippe.
Quelli che credono a sconcerti.
Quelli che Strama è un incapace senza esperienza.
Quelli che leggono l'incartacozze rosa.
Quelli che si sentono dire senza fare un plissé "il gol del Catania era buono, il nostro no ma avremmo vinto comunque".
Quelli che vivono nella bolla mediatica, come ben argomenta il mio amico Stefano Massaron.

Spegnete la playstation e rendetevi conto che questi sono tornati.
Se invece perseverate, fate la cortesia di traslocare.

Qui.








Noi dell'Inter ci siamo rotti i co****ni

lunedì 12 novembre 2012

Then the rain came down (ma va?)

Rapidamente.


Alzi la mano chi avrebbe preferito vincere ieri a Bergamo perdendo a Torino.

Ecco. Ok. Perfetto.

Gli intertristi già riemersi al grido di "moriremo tutti" possono andare affanculo.
Grazie.
La Direzione.

Così, una nota di colore.. Favoriti sabato dal gol a freddo di vidal che ha reso perfetta la formazione altrimenti sbagliata di Stramaccioni, favoriti dal rigore generoso fischiato da tagliavento, favoriti dall’aver giocato 11 contro 11 ma coi gobbi che – bontà loro – si sono DOVUTI bruciare un cambio per castigare il cattivone lichtsteiner come lo scorso anno prendiamo a Bergamo un rigore contro quantomeno dubbio che ci costa – a conti fatti – il pari.

Ma fa niente.
Meglio vincerne una e perderne un’altra che pareggiarne due.
Solo, prima di augurare qualcosa a Silvestre, pensate che ci sono io dietro l’angolo con l’anatemaH pronto.

E vi prego, risparmiatemi la minchiata del “uno che costa xx..”.
Perchè poi, uno che non è stato pagato un cazzo si sente perfettamente giustificato a far cagare.
Non è così che funziona.
Proprio no.

Detto questo, lavorare e si va avanti.

27 punti dopo 12 partite, fase a gironi della EL già passata, un allenatore che sta facendo esperienza ed è inevitabile che commetta degli errori.

Per ora, va bene così.

Si può solo migliorare e crescere, per conto mio.

Con calma.




domenica 4 novembre 2012

Spensierando di un sabato a Torino..

La j**e batte un nuovo record: riesce a perdere una partita rubandola.

"Dopo 17 secondi, prima mi sono preoccupato che eravamo partiti male, poi quando ho visto il fuorigioco ho pensato alla solita storia“.
Anche noi, presidente.
ANCHE NOI.

E questa la dedico soprattutto a quelli che "loro sono una squadra", "loro sono forti", "grande partita col chelsea", "straminchioni, merdacio e mudinfrocio", "ranocchia scarso", "moratti vendila".
A tutti voi..


E soprattutto, giù dal carro!

Che altro dire che non sia già stato detto?

Partiamo dalla designazione di tagliavento, che già sembrava una presa per il culo.
E infatti..

Nemmeno 20 secondi (18 - per la precisione - 18, ci tiene a sottolineare il signor parodi) e i gobbi segnano.
Ovviamente in fuorigioco.
Ma ovviamente questo ha favorito noi.

Sissignori!
Ilaria e il suo studio prime time, hanno avuto il coraggio di ripetere, come una litania, a qualsiasi carcerato si presentasse ai loro microfoni, la teoria secondo la quale l'essere passati in vantaggio in maniera irregolare li avrebbe inibiti, frenati, finanche portati a farsi consapevolmente battere per fare giustizia (ok, questo proprio non lo hanno detto ma era sottinteso).
Grazie a Dio ci pensa chiellini, l'uomo cui la maschera di ferro addolcirebbe i lineamenti, a smentire questo teorema prostituzionale di primo livello.

Dopo 20 secondi sei sotto di un gol a torino, ma è tutta una manovra per favorirti.
Ecco perchè Strama era così tranquillo.. Stupida io a non capirlo!

Ecco.
Torniamo al gol.
Ovviamente gli arbitri non sono in malafede (noooooh!) "sono solo scarsi".
E 'sti gran cazzi!
Non vedere quel fuorigioco.. Questa non è scarsezza. E' talpitudine,
E in ogni caso, scarso o in malafede, gente così non deve più vedere i campi.. Non solo della serie A ma neppure della lega dilettanti.

Si dice poi che preti, il guardalinee, avrebbe segnalato a cutwind il fuorigioco e che questi se ne sia bellamente fregato.
Si dice..

E non fatico a crederlo, visto che il nostro lascia correre anche sul fallo da rigore subito da Milito, salvo poi ricredersi su segnalazione del giudice di porta.

E no, cari gobbi.
Non è che il rigore non c'è perchè è fuori area.
A parte che qui mi sembra sufficientemente in area, Milito


..ma se ciò non fosse abbastanza, cari gobbi che "è iniziato fuori area" ci viene in soccorso il regolamento del GIUOCO del calcio - quello vero, non quello taroccato in dotazione al vostro stadio - che recita testualmente, Regola 12, punto 22 della guida pratica AIA:
Un difensore inizia a trattenere un avversario fuori dell’area di rigore, ma finisce di trattenerlo all’interno di detta area. Dove dovrà ritenersi concretizzata l’infrazione e quale deve essere la decisione dell’arbitro?
Accorderà un calcio di rigore, perché il fallo si è concretizzato all’interno dell’area.

E' chiaro, stronzi?

Poi, sempre su sky, va in onda la patetica pantomima dello "stadio corretto", atto a ridurre la gravità della pioggia di oggetti addosso ad orsato.
La gallina ilaria, squittisce sulla "correttezza" del "meraviglioso" pubblico gobbo.
Si, Ilaria, certo.
Me lo sono sognato il tifoso gobbo che diede uno schiaffo a di vaio?
E non è sempre questa la gente che popolava quello stadio che cantò l'impossibile a Mario Balotelli, vero?

Sicuramente mi sbaglio... Si, si..

Splendidi anche i gobbi telematici, che tentavano di taroccare pure la pagina di Wikipedia, cancellando l'aggiornamento relativo alla sverginatura del Conat effettuato in diretta dal favoloso duo Monzani/Beccalossi.

Impagabili! (a differenza di tagliavento)

Ah, poi torniamo all'inizio della partita e alle dichiarazioni della dirigenza gobba.
Passino le patetiche dichiarazioni di roberto mistocagandoaddosso bettega secondo il quale chi rischiava di più era l'Inter (Perchè poi? L'Inter non aveva proprio nulla da perdere.. Anzi! Aveva solo da guadagnare)..

Dicevo, passi bettega ma arriva occhiodifalco marotta che così commenta il tridente schierato da Stramaccioni:"Il tridente? Le ultime uscite le hanno fatte così. Sappiamo della spensieratezza tattica di Stramaccioni, non siamo sorpresi."

SPENSIERAMI STAMINCHIA, gobbo di merda!


E di nuovo il teatrino di sky post-partita, nel quale si tenta di far passaare Stramaccioni per un permaloso perchè, udite udite! "spensieratezza tattica" è un COMPLIMENTO!

Oh yeah!

E una fetta di culo?
Magari all'osso?














Fare i brillantoni prima non è mai una grande idea..

Un'ultima chiosa..


Leggendo wikipedia scopriamo che "L'intenzione della Juventus è quella di offrire a uno sponsor commerciale la possibilità di legare il suo nome a quello dello stadio"..

E' passato un campionato, ne è iniziato un altro ma di sponsor neppure l'ombra..


Fate schifo anche al cazzo. Perfino gli spurghi vi schifano.
A fine partita si sono autocantati "voi siete un pubblico di merda".. Questa è vera autocoscienza!

È tua Giacinto.

Per tutto il fango che ti hanno lanciato addosso, per lo schifo dal quale non hai potuto difenderti, per le menzogne dei giornalai che ancora oggi imperversano su sky(fo). Per i decani del giornalismo colmi di livore che pontificano senza sapere, o che sanno ma preferiscono confondere una relazione conoscitiva con una richiesta di rinvio a giudizio respinta per prescrizione (ma quando mai?).
Per coloro che invocavano l'art.6 nei confronti di Facchetti che, a differenza di Moratti non aveva potuto fornire giustificazioni atte a sminuire la portata delle proprie azioni.
Scusate se Giacinto se ne era già andato.

È tua Giacinto! Doveva essere tua!

lunedì 29 ottobre 2012

Gobbi are back (all right)

Sono tornati – secondo me non se ne erano mai andati – nella maniera più clamorosa possibile.

Voi, miscredenti che mi davate della visionaria di fronte al mio complottismo.

Voi che avete dovuto vedere i gobbi pareggiare in Champions con il Nordistokazzenland per realizzare che “forse” in Italia c’era qualcosa che non andava.














Si voi.
Che mi dite adesso?


No, stronzi.

Col cazzo che vi faccio salire sul carro.

State giù.

E no.
Non potete salire nemmeno su quello di Stramaccioni.
Nè su quello di Handanovic.

Nè su quello di Palacio.
Nè su quello di Ranocchia.
Nè su quello di Mudingayi.
Nè su quello di GianGesù.
Nè su quello di Coutinho.
Nè su quello di Gargano.
Nè su quello – ma si dai! – di Cassano.

Piuttosto stampatevi l’allegato Santino di Sorella Baderla e veneratelo fino a consumarlo.



Ok. Perdonate la digressione, e torniamo al vero delitto della domenica.


No, di Scariolo vi parlerò un altra volta.

E no, non è il gol di Ranocchia da annullare per un fallo di Palacio non si sa dove e non si sa perchè e di un Inter dominata dal bologna nei deliri di diamanti.

Il vero evento è che i gobbi sono riusciti a far bestemmiare Legrottaglie (dopo averlo spacciato per un calciatore).

Siccome mi piace vincere facile, partiamo dal magico mondo di mario, che ci propina delle interessantissime perle..

Perfetto secondo episodio dell’elegia mafiosa che già ci aveva proposto..

[...]

3) Quello sul gol di Bergessio non è stato un errore arbitrale normale, un fuorigioco visto o non visto come ne capitano ogni domenica, compresa questa. Il paradosso è che l’arbitro aveva subito deciso correttamente, aveva dato il gol. Sono stati gli altri arbitri a portare dubbi e a iniziare una discussione in diretta fino alla decisione finale. In sostanza è la prima volta che una discussione tra arbitri porta al ribaltamento di una decisione corretta già presa.

Nossignore! Come dice giustamente il presidente del Catania, Pulvirenti: "Il gol di Bergessio lo ha annullato la panchina della Juventus. Il guardalinee lo aveva dato".

Il
guardalinee
lo
aveva
dato.

Sissignori.

Il guardalinee, il vero deputato – come da regola n.11 – a segnalare il fuorigioco corre verso il centrocampo.
Non sono stati “gli altri arbitri”.
E’ stata la panchina della j**e a chiedere di rivedere l’azione.
E chi si è preso l'incombenza di valutare la fondatezza delle proteste dei pigiamati?
Naturalmente rizzoli. Il giudice di linea.

Rendiamoci conto.
Come cazzo fa, un giudice di linea, a decretare un fuorigioco?
E stiamo parlando di rizzoli.
Sempre lui.
Quello della finale di Supercoppa, per intenderci.

4) La discussione in diretta televisiva mi sembra una prova di innocenza. Parlare su un microfono, lasciare tracce televisive, significa assumersi la responsabilità di quello che si fa. Fosse stato in malafede, Gervasoni avrebbe potuto subito annullare il gol per fuorigioco. Sarebbe stato un errore, ma sarebbe rimasta un’interpretazione personale. Non avrebbe procurato più danni di così. Ora è un sistema a entrare in crisi, un’intera organizzazione. Nessuna banda criminale discute in tv su come comportarsi durante il furto.

Oh, certo.
Peccato che parlino coprendosi la bocca.
E un arbitro in buona fede, consentitemelo, non cambia idea per le proteste di una panchina con il guardalinee che ha già convalidato il gol.
Che poi, il modo migliore per non farsi beccare è proprio fare le cose alla luce del sole.

5) Si tratta molto più di modestia che di malafede. Non abbiamo arbitri disonesti, abbiamo arbitri modesti. I danni sono gli stessi, solo forse più curabili.

No certo.
Quelli condannati/rinviati a giudizio a napoli sono stati tutti sospesi. Tipo rocchi vero?
Ah già. No.

6) Vincere aiuta a vincere. Non c’è dubbio che la Juve dopo il gol di Muntari abbia vissuto una migliore stagione nei confronti degli arbitri.

Prego?

Ovvio che se rubi aumentano i punti in classifica.
Ma a me hanno insegnato che si deve vincere onestamente..

7) Credo più nel calcio giocato che in quello degli arbitri. Do agli arbitri il diritto alla sudditanza che abbiamo tutti noi nei confronti dei potenti. Ma è giusto chiedere da parte loro prestazioni migliori.

Sudditami sta minchia, zerbino.

8) Non fate degli arbitri il lavandino del campionato. Molte squadre sono indietro perchè sono semplicemente inferiori, non perchè sono discriminate.

Eccolo qui.

Avversari inadeguati > Gobbi forti > Arbitri ininfluenti
Vi ricorda nulla?
La perfetta applicazione del teorema moggi.

Splendidi anche i giornalisti filogobbi.

Vi segnalo uno zuliani in formissima, su twitter.



A parte che ci vuole un po’ di fantasia a credere che quel coso oblungo sia il piede di Bergessio (a me sembra più quello del difensore gobbo, vista la posizione. Per il giocatore del Catania, pronto a scattare, una extrarotazione di ginocchio e caviglia mi pare alquanto innaturale).

E la foto qui sotto, conferma le mie ipotesi.




OPS!

Per non parlare del fuorigioco con il quale segna la j**e.
A noi, per molto meno e sempre a Catania, ce la fecero a fatte per mesi..


E qui mi devono spiegare, avendo segnato un solo gol, in che modo avrebbero comunque vinto.
E’ molto interessante questa teoria..
Molto..

Quando poi apri le testate straniere e ti rendi conto che tutti, nessuno escluso, sono schifati per quanto accaduto a Catania pensi che forse monociglio – l’aspirante riformatore – avrebbe dovuto cominciare le riforme da qualcos’altro che non fosse la regola del fuorigioco.

Così eh, a naso..

Se poi un bookmaker come Paddy Power decide di pagare agli scommettitori la vittoria del Catania secondo il principio del Justice Payout – prima volta in Italia – ti rendi conto che davvero siamo lo zimbello di chiunque.


E le parole dei vertici del nostro calcio non fanno che avvalorare questa tesi..

Sentiamo l’illustrissimo presidente del CONI, gianni petrucci: "Gli errori ci sono stati, è sotto gli occhi di tutti, e ci saranno sempre. Ma tutti dovrebbero accettarli, stare più zitti e ritirare le denunce fatte".

A rispondergli ci pensa proprio il presidente del Catania, prima che a qualcuno venga in mente di accomunarci con quello schifo in relazione alla partita di domenica scorsa (che avremmo vinto comunque 2-1, classifica alla moviola docet): "L'errore accaduto con l'Inter la settimana scorsa è una cosa normalissima, che può succedere e che accetto. Ma quello di ieri no perché lo avevano dato giustamente, per poi cambiare idea. Se avessero sbandierato il fuorigioco avremmo detto che era una decisione sbagliata e addio. Il comportamento della panchina bianconera non è accettabile".

Ecco. Questo è il calcio italiano.

Questa è la sua credibilità, ben descritta dal mio amico Stefano Massaron nelle sue pagelle:

Credibilità del calcio italiano 0 — Siamo seri per un attimo, anche se queste pagelle di solito non lo sono (è che non ho tempo, ora, di scriverci su l’articolo che vorrei): quello che è successo ieri a Catania è l’epitaffio definitivo sul calcio italiano. Da quando ho memoria, non avevo mai, dico mai, visto un gol regolare fatto annullare da una panchina. Quanto accaduto ieri al Massimino è la definitiva pietra tombale sulle illusioni dei pochi (io non sono mai stato tra questi) che avevano sperato che Calciopoli fosse stata una pulizia vera e non una rinfrescatina di facciata. Ed è colpa (anche) nostra: abbiamo permesso loro di rispolverare l’arroganza, di esaltare il reato sistematico, di rivendicare vittimisticamente il diritto di essere al di sopra di ogni legge, di ogni regola e di ogni convenzione. Quelle tre stelle esibite a bordocampo sotto gli occhi di una Federazione complice e imbelle, debole e ridicola, sono uno schiaffo ai milioni di persone che, ogni giorno, si appassionano a uno sport che non meriterebbe più nemmeno uno sputo distratto e sprezzante. Ormai è troppo tardi: invece di cancellarli dalla faccia dello sport come avrebbero meritato, nel 2006 li abbiamo mandati soltanto in serie B, permettendo poi la creazione di un martirio senza alcuna giustificazione, e adesso ce li ritroviamo qui ancora, esattamente dove ci avevano lasciati nel 1998 e nel 2002 e nel 2004 e nel 2005, e prima ancora nel lustro ’94-’98 con il doping, e prima ancora con il gol di Turone, e prima ancora con Sivori che segna sei gol contro i primavera, e poi mi fermo qui perché l’elenco è disperatamente infinito. Ce li ritroviamo ancora qui, con il loro codazzo di clientele giornalistiche e i loro vittimismi berlusconiani di ladri e criminali che si ergono a paladini morali di un’Italia allo sfascio. Li hanno voluti indietro, e loro sono tornati. Più arroganti e svergognati di prima.

KILL THEM ALL