sabato 16 dicembre 2017

Della testa e di altre pene

Punto numero uno: abbiamo perso per un'applicazione non corretta del VAR. Si spera che, in questo modo, i tifosi avversari la piantino di fracassarci la ciolla.


Non per questo diventeró contraria a questa tecnologia. Anche perché l'errore non è DEL VAR ma di chi lo ha utilizzato alla cazzo di cane. L'escremento in giallo aveva già fischiato rimessa dal fondo quindi, da regolamento, il VAR non poteva più intervenire. Ma vabbeh. Su questo bisognerà lavorare ancora molto.

Certo, fosse successo ai pigiamati fioccherebbero le interrogazioni parlamentari. Siccome è successo a noi, tutto tranquillo. Anche in virtù del fatto che nessun giornalista si è preso mai la briga i leggersi il protocollo di applicazione altrimenti certe minchiate che sparano non si spieghere...

Come non detto
Detto questo, passiamo alla nostra prestazione.



Premessa: perdere mi fa sempre girare le ovaie; io voglio vincere anche quando gioco contro le mie cuginette al gioco dell'oca, per dire. Quindi la sconfitta non è proprio nel mio modo di affrontare le cose. Però, c'è un però. Perdere così fa veramente ma veramente MA VERAMENTE esplodere le vene. Se hai giocato bene e perdi magari per un episodio sfortunato i coglioni girano ma vabbè. Che gli vuoi dire? Ma oggi…



Una partita buttata nel cesso con le nostre stesse mani.
È vero, è stata una partita strana: un ottimo primo tempo che avevi raddrizzato subito e che, se chiuso in vantaggio come meritavamo, avrebbe probabilmente cambiato completamente le sorti dell'incontro. Ma appunto, il calcio non è ginnastica artistica e il merito non basta.
Così non è stato e, invece, anziché scendere in campo ancora più cattivi e concentrati che nel primo tempo, siamo scesi in campo con un approccio da schiaffi.
Con la presunzione che l'avremmo portata a casa senza sforzo. Distratti, poco incisivi. E infatti...

Esattamente come con il Torino.


Solo che lì ci era andata bene (idem con l'Hellas), questa volta l'abbiamo pagata e con gli interessi. Quando dico le cose è perché le so, non perchè mi piace criticare.

Oggi, i nostri dietro le punte hanno fatto letteralmente defecare, altro che metterli nei sondaggi dei migliori in campo.


Quando lo fate, mi chiedo se le partite le guardiate con dell'ottimo salame felino sugli occhi.

La speranza è che questo sia solo un episodio che però serva ai nostri per capire che noi non possiamo permetterci la minima distrazione, se non sul quattro a zero al 95' con meno di un minuto da giocare. Non un secondo prima.

D'altra parte, però, il fatto di aver perso giocando così di merda - e non solo per gli errori individuali di un singolo cui addossare tutta la colpa nell'ambito di una buona prestazione - potrà probabilmente essere più utile allo scopo.

Io che commento la prestazione di Santon

Forse, e questa è una speranza che spero non vada delusa, se avessimo perso giocando come nel primo tempo si sarebbero aperte crepe ben più difficili da richiudere. Magari, avendo perso facendo oggettivamente ca*are a spruzzo, si spera capiscano che si può porre rimedio a tutto scendendo in campo concentrati e cattivi per tutti i 90 minuti più recupero.

Last but not least, una dovevamo perderla. Peccato sia successo in casa (menagramo, cazzo, state a casa. Maledetti!) e contro una squadra che spero retroceda quanto prima perché è nella me*da che devono stare, questi infami. Ma, viste le partite che ci aspettano, speriamo che questo sia stato l'episodio necessario per poi riprendere la nostra marcia con maggiore consapevolezza.

A proposito, quando ha l'aereo, Thohir?