lunedì 12 agosto 2013

C'è solo l'Inter

Credevate fossi morta, lettori di poca fede?
Vi sarebbe piaciuto?
Invece no.
Sono qui, più viva che mai.

Purtroppo, o per fortuna, immersa nello studio matto e disperatissimo del percorso didattico che sto compiendo (sono a2/3 del cammino e conto di finire e diplomarmi a dicembre).



Beh, ora come ora mi godo le meritate ed agognate ferie.
Con Ofelia al seguito, ovviamente.

Nonostante tutto Sorella vostra, convinta dalle sue socie che con lei quest'anno prenderanno il daspo -  resta solo da capire a quale giornata - ha rifatto l'abbonamento e vi delizierà di nuovo coi suoi aneddoti da primo verde.
Benchè in fase Nelson, il mio sporco lavoro lo farò sempre.

Già vi anticipo che il primo della serie sarà dedicato all'odissea per il rinnovo del medesimo.
Vista la cabala, se il buongiorno si vede dal mattino, stiamo freschi!!

Confesso che volevo prendermela comoda ancora per un po'.
Magari ripittando la grafica e quant'altro.

Ma, come sempre accade, leggi quella cosa che ti fa mettere da parte i buoni (?) propositi e ti spinge a scrivere.

Vale a dire, il dedicare qualche riga all'esposizione di un principio, ispirata su Twitter dalla mia amica MissGreen.

Si parla tanto di Thohir, di vendita dell'Inter..

Tutti si sentono in diritto di dire la loro. Ex, non ex, opinionisti, fruttivendoli, cani e porci.. Molti con la fottuta paura che un proprietario diverso da Moratti cambi lo status quo. PI e servanti terrorizzati all'idea di non poter più sbertucciare l'Inter. Vedovi preventivi delle dichiarazioni da marciapiede di Massimone nostro.
E perchè no.. Anche opinioni, editoriali, dichiarazioni, peana di gente che mi ha fatta dubitare del tanto sbandierato amore per la nostra maglia.

Nazionalisti dell'ultima ora sul misterioso filibustiere indonesiano.. Manco che soggetti del calibro di borsano, cimminelli e goveani fosse di hong kong..
Per dire.

E oggi leggo una dichiarazione, l'ennesima in questo senso, del capitano.
E la Miss che mi anticipa.

Caro Javier, ti stimo.
Molto.
Però no. Mi dispiace ma non sono daccordo.
Forse PER TE non c'è Inter senza Moratti, perchè hai conosciuto solo quella.
Per me c'è l'Inter, e basta.

Ho vinto il mio primo scudetto con Fraizzoli (si, non sono più un'adolescente inquieta - cit. da intenditori).
Il primo campione che mi ha fatta davvero sognare, aka Karl Heinz Rummenigge, me lo ha portato Pellegrini.



Che mi ha regalato anche lo scudetto dei record e due coppe Uefa.
E pure uno scontro-salvezza, per dire..

Poi è arrivato Moratti. Tanti anni duri ma anche tanti trionfi, per i quali avrà la mia eterna ed imperitura gratitudine.
Però no.
L'Inter va oltre Moratti.
L'Inter è l'Inter.
Presidenti, giocatori.. tutto passa.

Resta l'Inter.
Restiamo noi tifosi.




"Qualcuno, qualche suo collega' mi ha detto: ‘Lei ha servito cinque presidenti dell’Inter’. Non è esatto, io ho cercato di servire sempre e solo l’Inter.”


AMEN