lunedì 14 maggio 2012

STRAlunata ma STRAconvinta

Già è lunedì mattina.

E questo non è bene.

Prima canzone della playlist on the bus “Welcome to burlesque”.
Non pensate male, stolti!
Ce l’ho nell’ipod per tre motivi:
1) Bellissimo film
2) Venero Cher
3) L’ho ballata al saggio di danza – sezione Sex&Charme - dell’anno scorso. Riscuotendo un successo strepitoso, ça va sans dire.

Poi parte “Restiamo ancora insieme” del mitico Julio.
Segno del destino: è ovviamente dedicata a LUI.



Ieri sera abbiamo perso. Con un po’ di sfortuna e un po’ di colpe nostre.
La colpa principale, il non averne più.
Certo, mi urta il ricordare che sarebbero bastati – non dico tanto – ma tipo solo i rigori contro roma, catania e novara. Lo dissi in tempi non sospetti. E i fatti mi hanno dato ragione.

Per tacere del killeraggio di rocchi.
E si, anche se faccio schifo (inteso come squadra, in alcuni momenti) mi lamento.
Perchè l’arbitraggio pessimo non è una punizione.
Questo va sempre ricordato.
Altrimenti, lo step successivo è che sonosempre29.

Comunque.
Il campionato è finito.
E non riesco ad essere arrabbiata.
Non con i ragazzi.
Aver centrato l’Europa, per come stavamo messi un mese fa, è un grande traguardo.
Di Stramaccioni in primis.
Quindi, Max, non fare minchiate.


Abbiamo, finalmente e di nuovo, un allenatore da Inter, uno che riesce a farmi aspettare con ansia la conferenza stampa. Uno che ha delle idee di gioco e cerca di portarle sul campo, a prescindere dall’avversario.

Uno che sa motivare la squadra come da tempo non si vedeva.
Teniamocelo stretto, cazzo!
Anche perchè – diciamolo - sono in pochi quelli capaci di creare un simile gruppo in poche settimane. Di dare una parvenza di gioco ad una squadra allo sbando. Di cavare il sangue dalle rape.

E di massacrare gli avversari al derby in 11 contro 12.
Ho visto gente col sangue agli occhi, quella sera.
Finalmente.
#stramastay evaH!

Oh, la nota positiva è che magari, dovendo avere una parvenza di squadra per il preliminare ai primi di agosto, Branca non potrà applicare la tattica (pessimamente funzionante, peraltro) dello sconto del 31 di agosto.

Invece, sono incazzata col tifosame.
Quelli che già ci vedevano in B e adesso si lamentano perchè dobbiamo fare il preliminare.
Quelli che non si capisce chi cazzo vogliano, in campo e in panchina.
Quelli che non vedevano l’ora di perdere domenica per lanciare la nuova campagna suicidi estate 2012.
Quelli che Strama non ha esperienza.
Quelli che va tutto male.
Quelli che Guarin è rotto e sovrappeso.
Quelli che Poli ha mandato in B la samp.
Quelli che Alvarez è lento. Idioti! E' solo diversamente veloce.
Quelli che “chi cazzo è xxxx? Non è da Inter” e poi “Ecco, non siamo riusciti a prendere manco xxxx”.
Quelli che godono se si perde perchè loro lo avevano detto e possono farsi le seghe su twitter (cit.).
Quelli che al derby volevano scansarsi.
Quelli che dopo il derby sono usciti sul carro a festeggiare perchè “li abbiamo asfaltati”.
Quelli che già si vedono eliminati dall’Europa League ad opera di squadre conosciute e non.
Quelli che “dobbiamo vendere per fare cassa”. L’unica cassa che dobbiamo fare è quella da morto. Per voi.

Quelli che dovrebbero ricordarsi sempre che dobbiamo e possiamo comunque girare – noi per davvero – a testa alta.

Perchè noi siamo l’Inter, e loro non sono un cazzo.