giovedì 3 gennaio 2013

Se l'antirazzismo è gratis.. Che ce vo'?.



Per carità, tutto molto bello.
Tutto molto libro cuore..

Tutto commovente.

Ma allora perchè tutto mi suona così clamorosamente falso?

Intendiamoci.
Io sono per il modello inglese, dove qualsiasi coro becero viene sanzionato.
Dove, per intenderci, un coro come quello contro Facchetti non passerebbe sotto silenzio.
Dove i responsabili verrebbero banditi a vita dagli stadi.

Lo sapete, io sono un cuore di pietra.
Arida dentro.
Ma proprio per questo, e frequentando abitualmente gli stadi, visto il coro di encomi di oggi, qualche dubbio mi viene.

Perchè, per carità, è meravigliosa questa idea di lasciare il campo a seguito degli inslti razzisti. Anche se dovrebbe essere compito dei pavidissimi arbitri sospendere le partite, regolamento alla mano.
Ma questo è un altro discorso.

Dicevo..
Un'immagine meravigliosa.
La squadra che, a seguito dei cori razzisti, lascia il campo.
Un'immagine meravigliosa e mediaticamente dirompente.

Soprattutto se poi non rischi niente..

Perchè è molto facile fare il beau geste durante un'amichevole.
Molto facile.
Facilissimo.

Diverso il discorso quando si parla di partite di campionato o coppa, dove le sanzioni ci sono.
E pesanti.
Parliamo di punti persi.
Sconfitte a tavolino.
Squalifiche, magari.

Dite che sono perfida? Forse.

Ma ho la memoria mooooooolto lunga.
Come quella del rivoluzioinario che fece ghigliottinare la Contessa Du Barry.

Già mi sovviene il signor seedorf che "sui cori a Balotelli: "Non è razzismo"  e mi dico.. ma kevin lo sa?
Ah no. Li era Balotelli lo stronzo provocatore.

E allora pensi ai gobbi.
E ti chiedi se, stanti tutte le multe collezionate dalla società j**e quest'anno nel loro meraviglioso e confortevole stadio, tra una settimana - al prevedibile e quasi proverbiale coro razzista dei 40mila subumani che lo popolano - il signor boateng and co. si sarebbero comportati allo stesso modo?

E ne dubiti.
Non sai perchè, ma ne dubiti.

Poi ti dici.. Ma no, dai Baderla.
Non puoi essere così stronza.

Non puoi pensare così male.

Ma siccome, appunto, SONO stronza e ho pensato male sono andata a recuperare questo simpatico coro.
Dei tifosi della squadra sbagliata di Milano.


Che non mi risulta abbia scatenato reazioni indignate in campo da parte dei paladini dell'antirazzismo in maglia rossonera.
Kevin prince? tu dov'eri? Ah, in panca. Le panche sono insonorizzate, scusa!
Massimo?
Tu che eri in campo?
Aaah! Certo, la bolgia del derby.
Non hai sentito.
E poi non erano dentro allo stadio, certo.

Honni soit qui mal y pense!

Ma il tarlo scava, scava..
E ti ricapitano sottomano (Ok, confesso. L'ho cercato di proposito) i provvedimenti del giudice sportivo a in relazione alla semifinale di ritorno di coppa italia, lo scorso anno.
Location: il gobbi stadium, match gobbi-milan.

E ops! Ma guarda un po'!

Ammenda di € 20.000,00 : alla Soc. JUVENTUS per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, rivolto a due calciatori della squadra avversaria grida e cori costituenti espressione di discriminazione razziale, recidiva; entità della sanzione attenuata ex art. 13 comma 1 lett. a) e b), comma 2, CGS, per avere la Società concretamente operato con le forze dell'ordine a fini preventivi e di vigilanza.

OOPS!

Cioè.. Mi state dicendo che lo scorso anno - nella stessa situazione - nessuno si è indignato?
Nessuno ha lasciato il campo?
Nessuno ha dato vita a proteste clamorose?

Ma come mai?
Tutti con le orecchie foderate di prosciutto?
Tutti strafatti di lexotan?
O non sarà piuttosto che nessuno ci sta a perdere tre punti/una qualificazione per un "misero" ideale?

Se tanto mi dà tanto, l'antirazzismo è un principio inderogabile.. Solo se a zero rischi.
A proposito, Fester.. A quando la patch "la squadra più antirazzista al mondo"?