mercoledì 1 febbraio 2012

Del denaro o del rispetto




No, non siamo in Siberia.
Siamo a San Siro.
Ore 20.00

45 minuti al fischio di inizio di Inter-palermo.
Che io non vedrò.
E NON commenterò per scelta, nonostante il rutilante risultato.

Scrivo assai amareggiata, per non dire inca**ta nera perchè sono stufa di essere presa per i fondelli dalle autorità (?) del calcio.

Tutti i match rinviati, tranne il nostro e quello della squadra sbagliata di Milano.

Perchè, ovviamente, noi non contiamo una fava.
Noi tifosi che andiamo allo stadio, che lasciamo le corde vocali a fine partita per incitare i ragazzi valiamo meno di zero.
E' ufficiale.

Bergamo: per i VVFF gli spalti sono impraticabili.
All'arbitro fottesega: l'importante è che la palla rimbalzi.
Se gli spalti non sono in sicurezza, chi se ne frega?!



San Siro, ore 20.30

















Questo il campo sul quale si "giocherà".
Il top del tasso tecnico, anche alla faccia dei tifosi da divano per i quali il rinvio è una tragedia biblica.
Gli stessi, peraltro, che criticano i tifosi da stadio perchè sono pochi o fanno poco tifo.

E già la carogna sale.

Carogna che aumenta in maniera esponenziale quando leggo che "tanto ci sono i teloni".
Eh si.
Ci sono i teloni.
Sul campo (che già fa cagare, per inciso).

Ma gli spalti?
Chi si preoccupa dei tifosi sugli spalti?

NESSUNO

Poi, leggo queste confortanti dichiarazioni di Damiano Tommasi e Demetrio Albertini e la carogna raggiunge punte mai toccate prima: "Stiamo vivendo una situazione eccezionale dal punto di vista meteorologico ma vanno rivisti i calendari, magari aumentando il numero di partite in periodi dell'anno in cui il clima è migliore': il presidente dell'Aic Damiano Tommasi commenta il rinvio per il maltempo di alcune partite. Il vicepresidente Figc Demetrio Albertini propone l'inizio del campionato a inizio agosto per evitare il più possibile le notturne invernali in impianti vecchi, pericolosi per i giocatori e scomodi per i tifosi".

Prego?
Situazione ECCEZIONALE?
Cazzo, viviamo alle Maldive e non me ne sono mai accorta?
Damiano, non so tu, ma  Milano - nel nord Italia - questa è la normalità dell'inverno.
Da secoli.
La differenza è che prima dell'avvento della pay tv si giocava al pomeriggio quindi il problema incideva meno.
Ora, giocando la sera, il bubbone è esploso.

Non si può rischiare la polmonite per una partita.
Io amo l'Inter, la amo follemente.. Ma non posso rischiare la vita tornando a casa con le strade ghiacciate.
E parliamo degli spalti?
Perchè ok i teloni, ma le tribune sono terra di nessuno.

Inter-Lazio: meno 10.
In tv mostrano tronfi il primo rosso scintillante e salato.
Anche il primo verde scintillava: per il ghiacco.
Un pinguino era rimasto appiccicato al mio seggiolino: abbiamo dovuto chiamare la gru per staccarlo e consentirmi di sedermi al mio posto, con plaid e calzamaglia stile nonna Abelarda.

Partita agghiacciante - appunto - risolta con un gol di Eto'o.
Ma visto che giocavamo noi il problema non si poneva.

Vero signori della lega?
Signori? Pagliacci!

I soldi che a voi interessano sono quelli della pay tv.
Cosa ve ne frega dei quattro stronzi che hanno sottoscritto - pagandolo in anticipo - l'abbonamento allo stadio?


A proposito.. Me la pagate voi la partita in pay per view?

Certo, sarebbe poi carino ricordare che sky e premium vi strapagano grazie a NOI imbecilli che ancora vi diamo retta.
E che il calcio, senza i tifosi, è niente.
Ma tanto, bastano le tv, no?
Metteteci dei cartonati sugli spalti allora..

Oh poi, mi fa incazzare sta cosa della curva traslata nel MIO settore.
Ogni volta devo supplicare gli steward per un upgrade chè con quelle personcine preferisco non avere a che fare.
Almeno, non durante il match.

Ma torniamo al rinvio.
A Milano si gioca.

Già mi stanno sanguinando gli occhi. Poi, leggo questa notizia e inizio a vomitare bile.

Mittente, il geometra Fester.
Destinatario il presidente della Lega, Orfei.

"Caro presidente, tutti i bollettini meteorologici per i prossimi giorni, e in particolare per il fine settimana, prevedono condizioni climatiche proibitive, quali non se ne vedevano da 27 anni: a Milano, neve e temperature fra gli 8 e i 10 gradi sotto lo zero. In queste condizioni, credo fortemente che giocare una partita, quale Milan-Napoli in calendario per le 20,45 di domenica 5 febbraio, sia assai più che inopportuno - si legge -. Le condizioni davvero estreme che tutte le fonti prevedono, mi inducono pertanto a chiederti, anche in applicazione dell'art. 31, Comma 2, dello statuto-regolamento della lnpa, di differire la partita predetta a data nella quale sia climaticamente possibile disputare una gara normale. Confido che la mia richiesta sia accolta e, in tale attesa, grato dell'attenzione, ti saluto cordialmente".

Provate a rinviarla e davvero inzio a cantare il Miserere, nelle lingue che conosco e pure in quelle che ignoro.

Rileggiamo bene:
"..quali non se ne vedevano da 27 anni: a Milano, neve e temperature fra gli 8 e i 10 gradi sotto lo zero".

Scusate ma, a meno che non sia stato adottato il calendario Salkhazziano, Inter-Lazio si è giocata il 20 dicembre 2009.
2 anni e un mese fa.
Non 27.

Giocare alle 20.45 viene definito "inopportuno".. Condizioni "estreme" tipo Inter-livorno di Coppa Italia, sempre del 2009, a meno 6, inizio ore 21:00?
Intendi quelle Fester?

"anche in applicazione dell'art. 31, Comma 2, dello statuto-regolamento della lnpa, di differire la partita predetta a data nella quale sia climaticamente possibile disputare una gara normale.."
Come, come?
Volete dirmi che c'è un articolo che prevede espressamente il rinvio delle partite affinchè sia climaticamente possibile disputare una gara normale?

Fatemi capire.
NOI siamo i figli della schifosa che devono giocare comunque e a prescindere (meno 10, ribadisco, su un campo demmerda per definizione), che non devono fare il silenzio stampa e quant'altro perchè le tv pagano e questi si rifanno il calendario per giocare in condizioni climatiche favorevoli?

Zio caro, te la do io la soluzione.
Visto che il meteo prevede sole, disputate la partita alle 15:00.
Nulla di più facile.

Una qualsiasi mente razionale questo avrebbe pensato.
Nessuna perdita di tempo, nessun recupero, disagi per i tifosi ridotti al minimo.
Anche perchè, col calendario già strozzato dovuto alla serie A a 20 squadre (a proposito.. Chi l'ha caldeggiato così tanto? Qualcuno me lo ricorda?) quando pensano di recuperarla?
A campionato finito?

Ecco, a questo proposito..
Demetrio, l'inizio delle partite ad inizio agosto coniugatelo nel deretano. Gli stadi diventerebbero più comodi? Si, certo. Dei perfetti solarium.

Peccato che la maggior parte dei tifosi, ad agosto, sia in ferie.
Se le vacanze dei calciatori sono sacre perchè le MIE, che pago, devono contare meno di zero?
Perchè non riportare la serie A a 18 squadre? Demetrio, non è che il peccato originale ti obnubila il pensiero?
Con le 18 squadre, si eviterebbero gli infrasettimanali invernali e si avrebbero date libere per eventuali recuperi.
Senza contare il non dover giocare due turni di Coppa Italia ad una settimana di distanza.
Visto che i signori calciatori devono farsi Santo Stefano alle Maldive questa è l'unica soluzione praticabile

Ma torniamo alle condizioni climatiche che non si verificavano da due anni..
Perchè questo insistere nel chiedere il rinvio?
Perchè non anticipare, semplicemente, la gara al pomeriggio?

Siccome a pensare male si fa peccato ma spesso si indovina (e viste le parole di fester di qualche mese fa quando la sua squadra NON era parte in causa) scorrendo la lista degli indisponibili un malizioso dubbio mi sovviene: nienteniente vuole recuperare gli infortunati che domenica non potrebbero scendere in campo?

NaaaaaaH!
Ahi, ahi Zietto, sei diventato prevedibile.. Mi sa che stai invecchiando..

Questa sera è finita la credibilità della lega calcio.

Ma se dovesse venire accolta la richiesta del geometra, si renderà necessario il trasloco da via Rosellini in una sede più consona.

QUESTA.

Lega Pagliacci A


CREDITS: Per il reportage fotografico ringrazio la mia dioscura Chiara