domenica 30 ottobre 2011

Toc toc.. Tosel?



Parto dallo status politically uncorrect di una mia amica.
Mi direte: "politically uncorrect?"
Per chi ancora non mi conoscesse la risposta è si.
Assolutamente politically uncorrect.

Chè la sottoscritta ama parlare chiaro e il politically correct lo lascia agli ipocriti.
L'ho presa bene. Voglio solo un mondo privo di gobbi. Ma l'ho presa bene. Li odio tutti. Di più quelle merde che urlavano "Giacinto alza la voce" e "negro di merda, sei solo un negro di merda" a Maicon. Quindi praticamente tutto il settore ospiti di ieri. VI ODIO.
Ecco. Questo è uno dei casi nei quali la pulizia etnica non mi pare un peccato tanto grave.

Partiamo da Maicon.
Immagino che anche lui, come Balotelli a Torino, se la sia cercata.
Balotelli, lo voglio ricordare, insultato fin dal riscaldamento.
Evidentemente i suoi skip erano altamente provocatori.
Come a Verona. Dove si beccò una multa per avere ironicamente applaudito lo sportivissimo pubblico veronese (mi direte "ma era il Chievo!". Bene, sappiate che con l'hellas in C, parecchi simpatici supporter di tale compagine si recavano a respirare l'atmosfera della massima divisione andando a vedere le partite dell'altra squadra cittadina).
D'altronde, con un sindaco così..

Ma non divaghiamo.
Caro Tosel, sarà il caso di darsi una mossa?
E ricordare a questa gentaglia che fare il tifo per la propria squadra non contempla il razzismo?
Perchè finiamola con la pantomima che "sono insulti ma non razzisti, gli italiani non sono razzisti".
Sticazzi!
Gli italiani sono razzisti. Come tutti. Nè più nè meno.
E negli stadi il problema si acuisce.

Perchè dargli del negro di m***a e non, per dire, del figlio di p*****a?
E se non "è razzismo ma ignoranza" perfetto.
Non c'è problema. Pigliamocela con la mamma anzichè - ma tu guarda? - col colore della sua pelle.


Se è ignoranza, bene! Cogliamo la palla al balzo ed iniziamo ad acculturarli ed educarli.
Non è difficile.
Un bel multone alla società e divieto di trasferta. E poi, coi biglietti nominali, un bel Daspo (fu invocato per Balotelli - vero renga? - vogliamo non invocarlo per questi subumani?). Così, generalizzato ed a spregio.
Tanto, già il tifare j**e meriterebbe un Daspo, figurarsi il solo appoggiare certi cori.

Non bastano le multe, non bastano le piogge di Daspo? Nessun problema.
Se si continua, come è già successo, partita a porte chiuse.
Non sappiamo chi ha cantato? Non è giusto punire chi non c'entra niente (Ahahahaha. Durante "quella" partita i cori sovrastavano la voce dei telecronisti, fate vobis. Più che "quattro scemi", come si usa dire, 35.000 imbecilli).

Dicevamo.. Non si possono individuare i colpevoli? Pazienza. Colpirne 100 per educarne uno.
Daspo a tutti e via andare. La prossima volta, magari, si impegneranno per far stare zitti gli altri.
Come fece tutto il Meazza quando Zoro si ripresentò a San Siro dopo i fatti di Messina.

E arriviamo a Facchetti.
Un oltraggio alla memoria di un UOMO che quei sottosviluppati non devono neppure permettersi di nominare.
Nemmeno dopo essersi sciacquati la bocca con la soda caustica.
Se poi volessero ingerirla, sono pronta a versargliela vestita da coniglietta di playboy.

Come ben sapete, dispongo di un turpiloquio notevole.
Bene, non riesco a trovare neppure un insulto che sia sufficientemente turpe da associare a questi rifiuti dell'umanità.
Gente che meriterebbe davvero di finire sotto le macerie di quello stadio taroccato quanto i loro scudetti.
Gente alla quale dare delle merde (si, senza asterischi di censura stavolta) sarebbe un insulto per la povera cacca, che non ha nessuna colpa. E il coro che ho riportato è il più "decente", tanto per la cronaca.

Passi che Maicon abbia "provocato". Tanto, oramai, è tutto "goliardia", no?

Ma i cori contro Facchetti?
Qui siamo oltre tutto.
Un oltraggio assurdo ad una persona perbene, un uomo onesto, che questa gente - con la collaborazione dei pennivendoli prezzolati - ha tentato di equiparare ad esseri del calibro di moggi and co. (e mi baso sulle sentenze, sportive e penali per affermare ciò) per la nota tesi del "tutti colpevoli, nessun colpevole".

No cari, non ci sto.

Non osate toccare Giacinto Facchetti, merde che non siete altro. 
Non osate neppure nominarlo perchè non ne siete degni.

Questi cori..Vogliamo farli passare in cavalleria?
Devono passare sotto silenzio?
Passeranno sotto silenzio?
Prego il cielo di no, anche se ho poche speranze.
Perchè il rispetto, negli stadi, è merce rara.
E' tutto "goliardia". Deve scapparci il morto per prendere provvedimenti?
Non lo accetto.
Non lo accetterò mai.

Tosel, vuoi darti una mossa anzichè stare li ad origliare quello che succede sulla nostra panchina?
Per una volta, potresti  fare seriamente il mestiere per il quale sei pagato?
E no. Non è mettere quattro voyeur ad origliare quel che dice Ranieri...

Perchè se le sue sono "frasi ingiuriose", l'oltraggio ad una persona perbene che non c'è più cos'è?
Spiegamelo. Son qui che aspetto!